YouTube

Cosa facciamo

Academy

Agency



Academy

Agency

Cosa facciamo

info@marketingsemplice.net

United States, Sheridan, WY 82801

Ms international llc ©

Benvenuta/o

Alla scoperta della SEO step-by-step

Piacere di conoscerti sono Dav il Seo Specialist di marketing semplice ed in questo articolo ti spiegherò step by step cos’è la seo e come poter diventare un seo specialist, in modo semplice 🙂

Perché è importante conoscere la SEO 

Sia che tu voglia diventare un/a Seo specialist o che tu voglia lavorare nel mondo del digital marketing, conoscere il funzionamento della Seo è ormai un must have, per poter spiccare e lavorare in modo efficace.

Nel momento in cui conosci il funzionamento di questo strumento, sarai in grado di creare piani marketing e strategie digitali con un’accuratezza impeccabile.

Adesso basta con i bla bla iniziali… 

Iniziamo!

Definizione SEO

La SEO per definizione è l’acronimo di Search Engine Optimization… 

Che parolone complicato vero? :’)

Non ti preoccupare, in realtà la SEO funziona in maniera molto semplice. 

Adesso te la spiego:

Hai presente quando fai una ricerca su Google e ti escono dei risultati in fila?

Ecco, quei risultati sono ordinati in base a criteri specifici e creano la cosiddetta SERP di google.

La SEO è quella branca del digital marketing che tramite delle azioni di ottimizzazione si occupa di posizionare determinate pagine web nei primi risultati dei motori di ricerca, portando di conseguenza più visibilità al sito.

Infatti il compito del SEO specialist è quello di conquistare le posizioni più elevate della SERP (i risultati che ti escono quando cerchi) per permettere ai propri clienti di uscire nei primi risultati di ricerca.

Significato della SEO

Come ti ho già anticipato prima, la parola SEO non è altro che l’acronimo di Search Engine Optimization, che tradotto dall’inglese significa: Ottimizzazione dei motori di ricerca.

Tutto chiaro?

Se ti senti un po’ confuso/a , sappi che è del tutto normale ma continuando la lettura, in poco tempo tutto si farà più chiaro e sarai sempre più dentro sia al mondo del Digital Marketing che in quello della SEO.

Come funziona l’algoritmo di Google (la SEO)

Per poter comprendere il vero funzionamento della Seo bisogna ben capire il funzionamento dell’algoritmo di Google, perché è proprio lui a determinare se far  apparire un sito in prima posizione o viceversa.

“Quindi basta conoscere l’algoritmo di google per essere un SEO specialist skillato?”

Se sapessi con certezza come funziona l’algoritmo di Google, probabilmente sarei ricco. :’)

Purtroppo o per fortuna, a voi la scelta, noi SEO specialist non conosciamo alla perfezione il funzionamento dell’algoritmo e quindi cerchiamo costantemente nuovi metodi per perfezionare le nostre strategie.

Adesso ti starai chiedendo come possiamo essere dei bravi Seo specialist e scalare le posizioni su Google, se non possiamo sapere con esattezza il funzionamento dell’algoritmo.

Semplice: ipotizziamo e testiamo

Lo scopo di Google

Google è un Motore di ricerca ed il suo obiettivo è quello di fornire la miglior risposta quando un suo utente ricerca qualcosa, per questo motivo ha sviluppato il nostro caro amico “spider” che noi chiameremo Ugo.

Ugo ha il compito di soddisfare la Search Intent dell’utente, ovvero “l’intenzione di ricerca.”

Conosci Izzy l’amica di Ugo.

Ti faccio un esempio per farti capire meglio:

Se state cercando delle “scarpette rosse con fiorellino nero disegnato sopra” il nostro motore di ricerca cercherà di farvi vedere i risultati più pertinenti alla ricerca effettuata. 

Se Google non vi facesse trovare le scarpette che desiderate, probabilmente vi arrabbiereste molto, iniziando a cercare altrove.

Questo a Google non piace, proprio perché il suo obiettivo è quello di farci passare più tempo possibile sulla sua piattaforma, in modo da aumentare la sua autorevolezza ed in automatico anche il suo fatturato.

Ricordiamoci che più volte utilizzi Google, più volte ti capiterà di cliccare su una ricerca sponsorizzata ed in automatico di farlo fatturare.

Adesso andiamo a  scoprire quelli che sono i principali fattori di posizionamento.

I meta tag SEO

Che bella parola anche questa vero?

I meta tag sono principalmente 2:

  • Tag Title: ovvero il titolo di un sito web/articolo

  • Meta description: la descrizione del sito web/articolo

Questi Tag, servono a far capire all’algoritmo di cosa trattano i nostri articoli/contenuti.

Se non avete capito un cavolo no problem, è normale, ora ve lo spiego meglio.

Tag title SEO

I Tag Title non sono altro che i titoli degli articoli o delle pagine. 

Infatti, servono a far capire al bot di Google (Ugo) e agli utenti di cosa stiamo parlando, per offrirgli sempre il miglior risultato di ricerca.

La vedi la foto qui sopra? Questa è una SERP, scopri di più.

In poche parole, il title serve per farci trovare dagli utenti.

“Ah ma quindi posso mettere il title scarpe rosse con fiorellino nero disegnato sopra” e poi parlare di bidet arancioni?

Eheh no! Sarebbe troppo facile.

Ugo (l’algoritmo) non è stupido e capisce se lo stiamo prendendo in giro.

Se vogliamo mettere come Title “scarpe rosse con fiorellino nero disegnato sopra” anche il nostro articolo dovrà parlare delle scarpe nere con fiorell….

vabbè hai capito. 

Se Ugo si accorge che il title e il contenuto non sono coerenti, non vi si inculerà mai e perderete solo tempo per cercare di posizionare una pagina impossibile da posizionare.

La meta description SEO

Certo che noi digital marketers usiamo proprio delle belle parole. 

La description serve per dare maggiori informazioni ai nostri utenti ed al nostro Ugo.

Infatti serve per descrivere brevemente gli argomenti della pagina/articolo.

Ecco un esempio:

H1, H2 e H3 della SEO

Adesso entriamo sul tecnico :’)

Gli H1, H2 e H3, servono per dividere l’articolo in più parti, facilitando la lettura al lettore e la scannerizzazione al nostro Ugo.

H1 della SEO

L’h1 è il titolo principale di un articolo o di una pagina, per farti capire meglio in questo articolo l’h1 è “Cos’è la SEO”. 

“Cos’è la SEO” è anche la nostra parola chiave principale, infatti l’H1 deve sempre racchiudere l’argomento dell’articolo, per permette a tutti coloro che cercano “Cos’è la SEO” di trovarlo, nei risultati di ricerca (SERP).

H2 della SEO

L’H2, serve per suddividere l’articolo in sezioni.

Un buon articolo, non deve essere un blocco unico, ma deve essere composto da diverse parti, come il sugo della nonna, infatti, al suo interno ci sono i pomodori, la cipolla, il sedano ecc…

Gli H2 saranno gli ingredienti che andranno a comporre il nostro articolo.

Come utilizzare gli H3 nella SEO

Ora che hai ben compreso cosa sono gli H1 e gli H2 posso spiegarti alla perfezione cosa sono gli H3. 

In più ti dirò una cosa che ti farà esplodere la testa: il paragrafo che stai leggendo è preceduto da un H3.

Esatto,  l’H3 è il cugino dell’H2 e serve a suddividere in sottoparagrafi il paragrafo principale. 

https://marketingsemplice.community/coselaserp/

Non solo SEO, scopri di più sul fashion marketing.

Cosa fa un SEO Specialist

Che bella domanda!

Un SEO specialist si alza, si lava, si veste, mangia e lavora; strano vero? Ok forse era un po’ cringe

Il lavoro del SEO specialist è quello di analizzare quelle che sono le preferenze in termini di ricerca da parte degli utenti e realizzare contenuti in grado di soddisfare le loro richieste. 

“Si ma nel dettaglio?”

Un SEO deve analizzare dati, vedere il comportamento dell’utente, capire cosa piace e cosa non piace, agendo di conseguenza.

Quello del SEO è un lavoro molto schematico, ma lascia largo spazio alla creatività e alla fantasia perché ricorda: copiare gli articoli degli altri non porta da nessuna parte.

Perché la figura del SEO è sempre più importante 

Il SEO specialist al giorno d’oggi è sempre più importante per 3 motivi:

1. Ormai dire di essere un SEO Specialist fa sempre più figo, dato che stimola un misto tra curiosità, fascino ed un bel “ma cosa sta dicendo sto piciu”?

Infatti, la maggior parte delle persone che mi chiede che lavoro faccio, mia nonna compresa, ha una reazione perplessa e allo stesso tempo incuriosita dalla parola SEO Specialist, quindi aspettatevi infinite domande sul vostro lavoro.

2. Il 95% degli acquirenti prima di acquistare un prodotto o servizio si informa cercando delle informazioni su Google e se le aziende non fanno sì che i loro clienti trovino quelle informazioni, non riusciranno mai a vendergli qualcosa, ed ecco qui che entrate in gioco voi, futuri SEO Specialist.

3. SI GUADAGNA ASSAI. Ok, ora che ho la tua attenzione (cringe alert) ti posso dire che con la SEO non ci si compra lo yacht, però ci si vive molto bene.

Essere un SEO specialist ti dà la possibilità di avere un lavoro stabile e allo stesso tempo di arrotondare con lavori a prestazione, infatti è sempre più richiesta la figura del freelance.

Vantaggi della SEO

Tutto bene?

Ti voglio fare i complimenti per essere quasi arrivato alla fine di questo magico viaggio nel mondo dell’ottimizzazione nei motori di ricerca. 

Adesso concludiamo con i 7 principali vantaggi della SEO:

1. Aumento del traffico: è molto chiaro che se facciamo uscire i siti web nei primi risultati della SERP il sito avrà più visite.

2. Aumento del fatturato: nel momento in cui aumentiamo le visite di un sito, aumentano anche i clienti, giusto?

Purtroppo no, dipende sempre da molti altri fattori come:

1. UX del sito.

2. Branding.

3. Value Proposition dell’azienda.

In compenso, abbiamo la certezza che portando più visite al sito, in automatico avremo un bacino di utenza maggiore a cui vendere i prodotti.

3. Tracciamento dei dati: la possibilità di tracciare i dati è uno dei grossissimi vantaggi della SEO.

Se fate una pubblicità su radio manila (grande radio delle mie zone) non potrete mai sapere chi dei vostri clienti ha comprato il paio di scarpette rosse con fiorellino nero ecc….

Mentre con la SEO, utilizzando Google Analytics  questo è possibile perché saprete da dove provengono le visite e le vendite del sito.

4. Basso investimento: una buona campagna SEO annuale si trova sul mercato dai 2000 ai 3000 euro. Una campagna alla radio costa circa 4000/5000 euro per 15 giorni.

5. Sito più cool: questo potremmo definirlo come effetto collaterale della SEO, è comunque un bell’effetto collaterale eh.

Avere un sito ottimizzato, lo rende più fruibile da parte degli utenti e di conseguenza più bello.

A quanti di voi è capitato di vedere siti disorganizzati con accoppiamenti di colori orribili, tipo rosso, giallo e verde?

(Vi prego, se avete trovato siti con questo tipo accoppiamento scriveteci una e-mail con il link del sito, io capirò).

6. Authority: un utente prima di acquistare deve avere in media 7 contatti con il brand, questo significa che le aziende devono essere facilmente rintracciabili e visibili.

Per questo motivo essere ben posizionati sui motori di ricerca incrementa esponenzialmente l’autorità di brand. 

7. Work in progress: a me piace lanciare sfide, credo che stimoli l’essere umano a migliorare e a evolversi.

La mia sfida è la seguente:

esiste ancora un vantaggio della SEO, (non cercare su google), rileggi attentamente questo articolo e trovarlo lì, nascosto tra un h2 ed un paragrafo.

Quando penserai esserci riuscito mandaci un DM su Instagram.

Il vincitore avrà un premio esclusivo 😉

Adesso, siamo arrivati alla fine di questo articolo introduttivo sul mondo della SEO semplice. 

Ti voglio fare i complimenti per essere arrivato fin qui dato che non è da tutti avere una soglia dell’attenzione così elevata, specialmente d’estate…

 

Spero che il video ti sia piaciuto, se così fosse, lascia un like, condividi e commenta.

Ohh, ho sbagliato piattaforma.

 

See you later guys!

SEO Specialist, Dav